Per aiutare qualcun altro
corpo

Per aiutare qualcun altro

Eugenia Debayle, sorella dell'annunciatrice, Martha Debayle è ricoverata in ospedale e sebbene la causa non sia stata specificata, è ipotizzata in vari media che potrebbe essere dovuta ad uncorsa

 

Grazie mille per tutte le espressioni di affetto e preoccupazione per la salute di Eugenia. Va bene Sta progredendo. Voglio chiedere il tuo supporto per evitare voci e speculazioni sullo stato di salute di Eu e sul rispetto della sua privacy ".

il corsa Si verifica quando c'è un'interruzione nella circolazione del sangue al cervello. In pochi minuti, le cellule cerebrali iniziano a morire.

La gravità del danno al cervello dipenderà dall'attenzione medica tempestiva, afferma la National Library of Medicine degli Stati Uniti.

 

Per aiutare qualcun altro

Tre semplici azioni possono aiutare a salvare la vita di qualcuno che ne ha bisogno, o almeno per evitare serie conseguenze di un ictus. Se qualcuno di loro non può farlo correttamente, non esitate a portarla immediatamente in ospedale.

1. Chiedigli di sorridere.


2. Fallo parlare. Dice una frase in modo coerente.


3. Per sollevare entrambe le braccia.

 

Conseguenze e trattamento

Le persone che sopravvivono a corsa ha bisogno di imparare di nuovo certe abilità poiché la sua qualità della vita è influenzata dall'avere:

Paralisi o menomazioni nel controllo del movimento.

Problemi che parlano o capiscono ciò che viene detto.

Alterazioni emozionali

La riabilitazione può aiutarti a imparare di nuovo quelle abilità. Ci vuole tempo e pazienza per il recupero del paziente. Il supporto dei parenti è fondamentale nell'intero processo.

 

Potrebbe anche interessarti

7 alimenti per aumentare i glutei

7 errori che ti fanno ingrassare

La maschera per il viso alla calce ringiovanisce il tuo viso

Medicina Il Video: Mi raccomando o Ti raccomando? I significati del verbo "raccomandare" (Marzo 2020).


Articoli Correlati

Prenditi cura della quantità di energia

4 alimenti contro il mal di testa

Dieta sana vs sindrome premestruale