Ragioni

Ricorrere all'uso della marijuana per combattere determinate condizioni mediche è un argomento che divide le opinioni.

Studi scientifici su alcune sostanze chimiche nella marijuana, chiamatecannabinoidi, hanno portato alla creazione di due farmaci sotto forma di pillole approvati dalla FDA (The Food and Drug Administration degli Stati Uniti).

L'interesse per la sostanza chimica della pianta di marijuana, il cannabidiolo (CBD), è riemerso perché un medico americano l'ha implementato come trattamento per una ragazza a cui era stata diagnosticata la sindrome di Dravet o l'epilessia mioclonica e che non aveva risposto a nessuna trattamento fino a quando la marijuana è stata somministrata per via orale.

Un recente studio pubblicato sul Journal of Developmental & Behavioral Pediatrico solleva la possibilità di usarlo per trattare l'epilessia nei bambini.

Poiché la marijuana medica è sempre più accettata, vi è un maggiore interesse a testarlo nei bambini e negli adolescenti con disturbi come l'autismo, iperattività e deficit di attenzione.

Il National Institute of Health (NIH) degli Stati Uniti sostiene che fumare marijuana ridurrebbe l'alta pressione del liquido oculare che si verifica in coloro che soffrono di glaucoma. Questa pianta ha anche dimostrato di essere in grado di dissipare alcuni dolori resistenti agli analgesici convenzionali, caratteristici di coloro che soffrono di sclerosi multipla, così come la nausea sperimentata da persone sottoposte a sedute di chemioterapia aggressiva, oltre ad aiutare a stuzzicare l'appetito Potrebbe aiutare i pazienti affetti da AIDS che soffrono di una grande perdita di peso, collaborando nel difficile compito di recuperare la massa muscolare persa.


Medicina Il Video: Cannabis terapeutica: la rivoluzione del futuro nelle terapie in Italia (dott.Samuele Lanzarotti) (Luglio 2021).