Segnali di allarme dopo il parto
post-partum

Segnali di allarme dopo il parto

Il corpo della donna dovrebbe continuare a sorveglianza medica Dopo il parto, per garantire lo stato ottimale di salute della madre, soprattutto se durante la gravidanza ci sono state situazioni di alto rischio , è rimasto con ipertensione, emorragia o infezioni.

Il Messicano Social Security Institute (IMSS) si distingue come dati da allarme durante il puerperio le seguenti situazioni:
- abbondante sanguinamento vaginale con coaguli, nei primi sette giorni.

- Febbre, brividi, lochia (liquidi che escono dalla vagina) con un cattivo odore o aspetto purulento, dolore all'anca o all'addome inferiore, che possono essere manifestazioni di infezione post-parto.

- Febbre, brividi, dolore, gonfiore e arrossamento del taglio cesareo o della ferita da taglio vaginale.
- Gonfiore e dolore, con o senza febbre, nel corso delle vene delle gambe.
- Febbre, brividi, dolore, gonfiore e arrossamento di uno dei seni.

Quando si presentano alcuni di questi segni, è necessario andare immediatamente dal medico ostetrico-ginecologo.

In generale, si consiglia di consultare il medico entro 7-14 giorni dalla consegna. All'interno del normale schema di recupero è la comparsa di alcuni crampi e una secrezione vaginale simile al sangue diluito che verrà eliminato nel tempo fino a scomparire completamente in un periodo di 15 a 20 giorni.

Se non hai alcun disagio, puoi ricominciare la tua vita sessuale scomparendo dal deflusso dei loquios.

Medicina Il Video: Segnali d'allarme post parto: quali sono e cosa fare per il tuo cane. (Settembre 2019).


Articoli Correlati

Fallo ovunque!

Quali sono i vantaggi di una protesi d'anca?

Rimedi naturali per combattere il raffreddore da fieno