iPad come strumento didattico negli scolari
gioca e impara

iPad come strumento didattico negli scolari

All'inizio di quest'anno l'informatico americano Alan C.Kay , padre della programmazione orientata agli oggetti e del linguaggio Smalltalk, ha affermato che "la cosa importante" dell'emergenza di iPad , è la capacità che hai, come il software apprendimento per minori.

Kay, titolare del Doctor Honoris Causa dell'Università di Murcia (Spagna) per i suoi contributi allo sviluppo di personal computer e alla programmazione orientata agli oggetti, ha indicato che i computer non sono utilizzati per l'apprendimento dei bambini. Per lui, i computer sono utilizzati solo per accedere Internet nelle scuole, ma non come strumento di apprendimento che occupa tutto il suo potenziale quando si tratta di argomenti complicati, come la scienza avanzata.

Nel caso di minori con problemi di apprendimento o bisogni speciali, gli esperti concordano che la piattaforma, in base alla quale l'Ipad o il iphone influisce sulle abilità legate alla percezione, all'acquisizione del vocabolario, al miglioramento della fonetica e della sintassi, allo sviluppo della memoria e alla coordinazione occhio-mano.

iliPad è più che uno strumento educativo, poiché consente di includere fotografie e video che interessano il bambino (di lui, se stessa o la sua famiglia), permettendo loro di essere accolti a loro piacimento, in modo che i bambini possano navigare nelle applicazioni del dispositivo che cambia attività quando vogliono, grazie a una serie di applicazioni (alcune gratuite e altre a costo) che ti permetteranno di esprimere la tua creatività e giocare, divertendoti e imparando.

Siamo di fronte a una nuova generazione desiderosa di esplorare, che non ha paura di premere un pulsante, ascoltare suoni, creare mix e seguire la propria intuizione per scoprire le potenzialità della nuova tecnologia.

Medicina Il Video: Ecco come funziona il tablet per non vedenti (Agosto 2019).


Articoli Correlati

5 consigli per mangiare di meno

Cancro al pancreas

Il 45% dei messicani si prende cura della loro dieta