Miele per combattere i superbatteri

Nei tempi antichi, miele E 'stato considerato come cibo degli dei , non solo per il suo gusto squisito, ma per le sue proprietà guarigione . Anche negli scavi egiziani con più di 2000 anni sono stati trovati campioni di miele perfettamente conservati in vasi leggermente coperti. Ci sono anche registrazioni preistoriche nelle pitture rupestri sull'uso del miele. Oltre a tutto questo, il miele Risulta essere uno strumento efficace per combattere alcune delle infezioni batterico più difficili da trattare, come quelli resistenti a antibiotici più potente.

Uno studio condotto da scienziati del Università del Galles a Cardiff, nel Regno Unito; dimostrato, attraverso esperimenti effettuato in laboratorio, che il miele Può pulire i batteri presenti nelle ferite infette e sulle superfici contaminate negli ospedali.

L'insegnante Rose Cooper , che ha presentato il suo studio alla conferenza annuale della Società per Microbiologia generale , che si tiene a Harrogate, in Inghilterra, assicura che: "Il miele sembra agire in decomposizione difese che i batteri usano contro antibiotici ".

Pertanto, il ricercatore sottolinea BBC World , il miele può essere un modo utile per combattere le infezioni superbatteri come il stafilococco resistente all'oro al metilcianuro (EDRM).

I ricercatori hanno studiato il miele di manuka , che deriva dal nettare raccolto dalle api Nuova Zelanda nell'albero di manuka.

Combattere la resistenza

Al giorno d'oggi, una forma purificata di miele di manuka , in particolare, è stato incluso per molto tempo farmaci che vengono venduti nelle farmacie di tutto il mondo per il guarigione di ferite . Tuttavia, fino ad ora, non si sa esattamente quale sia il meccanismi che danno al miele le sue proprietà antimicrobico ed è per questo che il prodotto non è stato usato correttamente.

Per capire questi meccanismi l'insegnante bottaio e il suo team ha studiato come il miele interagisce con tre tipi di batteri che comunemente infettano le ferite. Questi sono: il Pseudomonas aeruginosa , il streptococco Gruppo A e il stafilococco Oro resistente alla meticillina

I ricercatori hanno scoperto che il miele può impedire l'adesione di pseudomonas e streptococchi al tessuto, che è un passo essenziale per l'inizio di infezioni acuto . Evitare questa adesione blocca anche la formazione di biofilm , che sono strati sottili che proteggono il microbo di antibiotici e ti permettono di causare infezioni persistenti.

E lo studio, dice il Professor Cooper , "ha anche dimostrato che il miele può rendere l'EDRM più sensibile antibiotici come il oxacillina , il che significa che è riuscito a invertire la resistenza a questi farmaci ".

"Questo indica che il antibiotici potrebbe essere più efficace contro le infezioni resistenti se si usa una combinazione del farmaco miele di manuka ".

Grado medico

"Quello che dobbiamo fare ora è studiare queste combinazioni e condurre studi clinici sui pazienti", aggiunge il ricercatore. "Il miele può essere applicato localmente alla ferita o usato in combinazione con il antibiotico per trattare infezioni resistenti. "

il Professor Cooper avverte, tuttavia, che le persone non dovrebbero cercare di guarire a casa con miele comprato al supermercato.

"Questa è un'alternativa non igienica e non è raccomandabile, quello che abbiamo analizzato nei nostri studi è un miele grado medico (purificato), non il prodotto che viene acquistato nei negozi ", dice.

La scoperta, dicono gli esperti, potrebbe portare a maggiore uso clinico di miele in un momento in cui il mondo affronta la minaccia di una carenza di antimicrobico potente per combattere la crescente resistenza dei batteri.

"L'uso di agenti topici come miele sradicare i batteri dalle ferite è potenzialmente più economico e potrebbe migliorare la terapia antibiotico in futuro "dice il ricercatore.

"E questo ci aiuterà a ridurre la trasmissione di batteri resistenti agli antibiotici di una ferita colonizzata ai pazienti più sensibili ", ha aggiunto.

Fonte: BBC World


Medicina Il Video: Il supervampiro e i superbatteri: un classico del cinema contro le antibiotico-resistenze (Gennaio 2021).